Nuovo Cinema Paradiso - L'emozionante finale

L'emozione non ha voce, direbbe Adriano Celentano, ed è proprio quello che dicono queste immagini, nell'ultima scena del film "Nuovo Cinema Paradiso", scritto e diretto da Giuseppe Tornatore. Uscito nel 1988, nonostante gli esordi furono disastrosi il film prese improvvisamente piede e commosse il mondo, tanto da vincere sia l'Oscar che il Festival di Cannes, oltre ad altri vari riconoscimenti che premiarono anche la colonna sonora, composta da Ennio Morricone.

La storia è ambientata nella Sicilia del dopoguerra, e parla di un ragazzino, Totò, amante del cinema che intenta una piccola battaglia personale per eliminare le censure del prete del paese, gestore del cinema, che ogni volta fa tagliare le scene dei baci, ritenendole troppo sconvenienti. Il Nuovo Cinema Paradiso è la sala cinematografica in cui il piccolo Totò, imparati i segreti del mestiere dal proiezionista che diventerà un suo grande amico, Alfredo, proietterà film senza censure per tutti gli abitanti del paese.

Nella scena finale si vede Totò da grande, diventato regista, che rivede tutte quelle scene che furono censurate dal sacerdote, Don Adelfio, e compie un emozionante viaggio nel passato, ricordando la sua infanzia e tutte le persone che ha lasciato in quel delizioso paesello, essendosi trasferito a Roma, da oltre trent'anni, dopo aver fatto il servizio militare in quella città. Un bellissimo viaggio anche per noi, perché sono scene intramontabili che hanno fatto la storia del Cinema.

Autore SettimaLuna
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!