La Falce Proibita: Messina

Questo è un trailer emozionantissimo di un lavoro che presto sarà edito sul canale youtube di Lettera Emme, giovane fonte di video informazioni della città di Messina.

Le riprese aeree effettuate con il drone di Francesco Villari indugiano sulla zona falcata "rubata" ai messinesi dalle scelte politiche degli ultimi 50 anni: l'inceneritore dei rifiuti della zona S. Raineri, le vasche di stoccaggio dei petroli e le condutture per l'allaccio delle petroliere, il degrado generale, i rifiuti e l'abbandono all'ombra della Madonnina e delle mura dei forti borbonici medievali, a difesa della città. La nave semiaffondata è il relitto del "Rigoletto", che trasportava automobili tedesche.

Prese fuoco nel 1980 al largo di capo spartivento (Reggio Calabria) e la rotta evidentemente più facile per salvare l'equipaggio fu quella di virare verso le coste messinesi. Non arrivò mai in porto, ma affondò dopo 3 giorni, facendo riaffiorare la propria prua ormai semidistrutta (ma anche straordinario museo subacqueo per appassionati). Il tutto in un mare azzurro.

Per fortuna le cose stanno cambiando e, presa coscienza civile e politica del tesoro dell'area della falce, si sta provvedendo proprio in questi giorni a smontare l'inceneritore per liberare un'ulteriore area, dopo i parziali sbaraccamenti degli anni passati tra la falce ed il torrente portalegni (oggi Viale Europa). Inoltre a breve dovrebbe partire il cantiere per la strada del mare che farebbe definitivamente uscire i TIR dalle zone abitate, collegando porto, autostrada e nuovo porto a sud.

Non vediamo l'ora di vedere il lavoro finito, nel frattempo ci gustiamo un trailer magistralmente montato e musicato.

Autore tababonf
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Lettera Emme. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!